Delfini al largo dell’Oasi Naturale Torre Calderina

Al largo dell’Oasi Naturale di Torre Calderina anche quest’anno sono stati avvistati diversi delfini tursiopi.

Al largo dell’Oasi Naturale di Torre Calderina anche quest’anno sono stati avvistati diversi delfini tursiopi.Per questo motivo questa estate gli educatori ambientali del Centro Studi “Terrae” in collaborazione con la Società Salvamento di Bisceglie e l’associazione “I Guardiani del Mare” hanno realizzato una serie di uscite in barca a vela (c’è tempo fino a settembre per prenotare) per avvistare questi meravigliosi esemplari nel loro ambiente naturale.

Si tratta di una piccola comunità che, da qualche anno a questa parte, è diventata stanziale nelle nostre acque. A bordo della barca a vela, oltre al relax e alla possibilità di fare il bagno al largo, abbiamo realizzato delle piccole lezioni di educazione ambientale sul riconoscimento dei cetacei presenti nel nostro mare, sulla conservazione e protezione degli organismi marini. Sono state osservate schede sul riconoscimento dei cetacei e sono ascoltati i canti e i suoni che questi meravigliosi esemplari producono per comunicare tra loro!

Di seguito si riporta parte del comunicato stampa realizzato dal WWF di Molfetta in seguito alle nostre segnalazioni.”È significativo che al largo di Torre Calderina, teatro di uno degli ultimi spiaggiamenti, è stata individuata una famiglia di tursiopi dalla Società Nazionale Salvamento di Bisceglie, che ha anche filmato l’evento, cui vanno i nostri ringraziamenti. Né da notizia la responsabile del gruppo dei soci del WWF a Molfetta, Grazia Abbascià: “La visione dei delfini crea fascino e curiosità in adulti e bambini, ma è  importante diffondere la consapevolezza dei pericoli che minacciano i nostri tursiopi. La loro tutela è fondamentale e invitiamo tutti ad adottare comportamenti che non compromettano la loro incolumità: non andare in motoscafo ad alta velocità, evitare il rumore dei motori poiché li disturba e li disorienta, non gettare rifiuti come i sacchetti di plastica che potrebbero essere ingeriti accidentalmente”.

“L’area di Torre Calderina e il prospiciente Posidonieto San Vito si dimostrano, ancora una volta, scrigno di biodiversità – afferma il dott. Mauro Sasso, Vice Presidente del WWF Puglia –  e per questo è necessario che le autorità istituzionalmente preposte rafforzino i controlli e si impegnino in termini concreti per l’istituzione un’Area Naturale Protetta. Rinnoviamo il nostro appello al Ministero dell’Ambiente e alle autorità regionali e locali affinché diano seguito alle istanze che sono state da tempo avanzate per la tutela e la salvaguardia di una zona che è una grande nursery di specie che arricchiscono la vita dei nostri fondali”.

Leave a Reply

MuMART - Museo Marino Artistico

Sede Operativa
Villaggio Lido Nettuno MOLFETTA

Mail: info@museomarinoartistico.com
Mob.: +39 340 85 38 964